Twiggy, il volto degli Swinging Sixties

di Adriana Farina


Cari Vintagers,

per la nuova rubrica #vintagicons vi parlerò, nel corso delle prossime settimane, di quattro icone di stile degli anni '60 e dei loro look che hanno fatto la storia della moda.

Iniziamo oggi dal personaggio simbolo della Swinging London degli anni '60, la leggendaria modella-teenager Twiggy.



Nata a Londra nel 1949 con il come di Lesley Hornby, spopola all'età di soli 15 anni grazie al celebre taglio di capelli a bob ideato dal parrucchiere più in voga ai tempi, Vidal Sassoon.


Con il suo fisico androgino e asciutto ( a cui si deve il soprannome Twiggy, che in inglese vuol dire ramoscello), gli occhioni da cerbiatta e l'aria sbarazzina e naïf, viene nominata volto dell'anno dal Daily Express nel 1966, iniziando da allora ad apparire sulle riviste di moda più importanti come Vogue e Elle e facendo impazzire tutto il mondo con il suo stile del tutto inedito e fuori dagli schemi.

Twiggy incarna infatti un'ideale di bellezza totalmente diverso da quello del passato e in particolare del decennio precedente, in cui si prediligeva il fisico formoso e cosiddetto a clessidra delle star del cinema americano.


La sua figura si inserisce perfettamente nel clima di cambiamento e di esplosione delle sottoculture che ha permeato gli anni '60, diventando il simbolo della più grande rivoluzione del decennio nel campo della moda, e cioè la nascita della minigonna ad opera di Mary Quant (o di André Courrèges? La disputa su chi

abbia inventato la minigonna è ancora aperta, ma questa è un'altra storia).




La sua carriera da modella dura poco più di quattro anni, ma il suo stile entra a pieno diritto tra i più iconici e leggendari nella storia della moda.


Ecco a voi cinque elementi caratteristici da tenere a mente per un perfetto stile-Twiggy:

1. Il caratteristico taglio di capelli corto a “bob”, allora estremamente di moda e adottato da diverse star dell'epoca, tra cui dalla stessa Mary Quant e da Mia Farrow nel film di Polański “Rosemary's Baby”;

2. Gli occhi da cerbiatta, messi in evidenza dal trucco rigorosamente nero, che prevede l'uso massiccio del mascara sulle ciglia superiori e con effetto “a ciuffetti” su quelle inferiori. Con una doppia riga di matita, una lungo la piega della palpebra superiore e una lungo la linea delle ciglia, il gioco è fatto. Tutto il resto del make-up è molto semplice e ad effetto nudo, in modo da non toglier agli occhi il ruolo da protagonisti indiscussi.

3. Gli abiti stile mod, a trapezio, cortissimi e senza punto vita, dai colori sgargianti e dai pattern più disparati (a righe, optical, psichedelici) oppure a tinta unita ma con l'aggiunta di un accessorio a contrasto, come una cravatta a fiori o un paio di orecchini oversize.

4. Dal momento che le gonne sono ultracorte e scoprono le gambe, ecco quindi che si da il via libera a collant o calzettoni al ginocchio colorati e dalle diverse lavorazioni e fantasie; il tutto completato in bellezza dalle iconiche Mary Jane ai piedi.





Su Vintag potete trovare tantissimi capi vintage originali degli anni '60 per ricreare un impeccabile stile Twiggy. Oggi vi propongo il primo esempio, ma vi consiglio di non perdervi il secondo appuntamento della settimana prossima con altri suggerimenti a tema presi direttamente dalle vetrine dell'app che potete scaricare direttamente da qui!

Iscriviti alla newsletter
Download vintag
  • Bianco Instagram Icona
  • White Facebook Icon
  • Bianco YouTube Icona
  • White Twitter Icon
  • White LinkedIn Icon

© 2020 by Vintag srl piva 03560201208 info@vintag.store

Informazioni