Super & popular

di Marcella Ottolenghi


Alessi è appena diventata Società Benefit, prima fra le aziende italiane del design: una qualifica giuridica che prevede il perseguimento di finalità a beneficio comune. Ma il marchio centenario, fin dagli inizi della sua storia negli anni Venti, non ha mai perso di vista l’utilità pubblica dell’attività d’impresa. A partire dalla generazione di profitto in modo equo e sostenibile per l’intero contesto sociale e ambientale in cui opera, sino al trasferimento di concetti elevati come arte e poesia nella produzione industriale di serie.



«Una vera opera di design deve far muovere le persone, trasmettere emozioni, riportare alla mente ricordi, sorprendere, andare controcorrente...»

È il motto di Alberto Alessi, nipote del fondatore della famiglia che a Crusinallo di Omegna ha dato vita alla “Fabbrica dei Sogni” partendo dalla lavorazione a freddo dell’ottone, dell’alpacca, del rame per ottenere oggetti per la tavola belli e funzionali. Con l’abbandono negli anni Cinquanta dei metalli morbidi a favore dell’acciaio inossidabile l’identità aziendale va definendosi: l’iniziale specializzazione nel campo degli oggetti per uso professionale si apre all’ambito domestico, richiamando nei decenni successivi progettisti che faranno la storia del design made in Italy – Achille Castiglioni, Alessandro Mendini, Richard Sapper, Ettore Sottsass... –. E firmeranno prodotti diventati vere e proprie icone. «Mio nonno, ricorda Alberto in una recente intervista a Gastronomia Mediterranea, ha sempre avuto una grande passione per le cose belle, per oggetti solidi per la tavola e la cucina. Il design, nel senso corrente del termine, è venuto dopo, con mio padre Carlo.»


La lista delle collaborazioni è diventata nel tempo sempre più corposa – Michael Graves, Aldo Rossi e poi Ron Arad, David Chipperfield, Michele De Lucchi, Doriana e Massimiliano Fuksas, Stefano Giovannoni, Zaha Hadid, Philippe Starck, Patricia Urquiola, Guido Venturini, Marcel Wanders... – così come il catalogo Alessi. Che negli anni Novanta, parallelamente all’inaugurazione di un Centro Studi e del Museo interno alla sede aziendale, inizia ad affiancare all’acciaio la plastica, il vetro, il legno, la porcellana.


Il risultato è un incredibile e variegato paesaggio di oggetti Super & Popular, come qualche anno fa è stata definita la collezione di piccoli capolavori “iconici del nostro quotidiano, destinati a prescindere dalle mode e a durare inesorabilmente nel tempo”. Tra di essi lo spremiagrumi Juicy Salif, la caffettiera 9090, il cavatappi Anna G., il bollitore 9093, la biscottiera Mary Biscuit, il cesto portafrutta 370... Nomi che magari non dicono molto ai più, ma che con la loro presenza riconoscibilissima, entrata nell’immaginario comune, sono tra gli oltre trecentocinquantamila prodotti Alessi che ogni anno entrano nelle case di tutto il mondo animandone le cucine e le zone pranzo.


Per acquistare e vedere tutte le proposte Alessi presenti su Vintag, scarica l'app!

Iscriviti alla newsletter
Download vintag
  • Bianco Instagram Icona
  • White Facebook Icon
  • Bianco YouTube Icona
  • White Twitter Icon
  • White LinkedIn Icon

© 2020 by Vintag srl piva 03560201208 info@vintag.store

Informazioni