Paperino’s: il primo dentifricio non si scorda mai

di Anna Rita Caddeo


Se diciamo Paperino’s, a cosa pensate? Molti, soprattutto quelli nati tra gli anni ’60 e ’80, ricorderanno che con questo nome c’era in commercio un dentifricio per bambini, molto amato per il gusto alla fragola e per i gadget allegati, uno su tutti lo spazzolino con Paperino giocoliere.




La storia

Paperino’s venne introdotto nel mercato negli anni ’60 e nel corso del tempo cambiò diverse proprietà. La prima fu la Clorodont, azienda di Giovanni Mastracchi Manes proprietario di altri marchi come Leocrema e Durban’s. Nel 1964 il gruppo Mastracchi venne acquisito dall’allora nascente 3C, società fondata da Anna Bonomi Bolchini, famosa per aver ideato il catalogo Postalmarket. Nel 1970 la produzione del dentifricio passò alla Chesebrough-Pouds. Questa ditta,

nel 1987 venne acquisita dalla multinazionale Unilever, che divenne l’ultima proprietaria del marchio Paperino’s. Il dentifricio cessò di essere prodotto nei primi anni ‘90.


Il gusto alla fragola… tutto da mangiare!

Paperino’s esordì in commercio al gusto di “cicca americana”, termine poi modificato in “chewing-gum”. Nel 1973 venne introdotto il gusto alla fragola che divenne il preferito dai bambini: molti ricordano che era così buono che, al posto di usarlo per lavarsi i denti, lo mangiavano! Nacque poi il gusto all’arancia, che non ebbe successo, e quello alla banana.



Le pubblicità

Le pubblicità del Paperino’s erano prevalentemente cartacee e si trovavano nelle riviste per ragazzi, come “Topolino” o “Il Corriere dei Piccoli”. Inoltre, nelle prime comunicazioni presenti in queste riviste, il marchio era associato a sponsorizzazioni di trofei e concorsi per giovani. Le pubblicità non legate a promozioni si ebbero a partire dal 1970. Nel 1976 e nel 1978, il marchio

ideò una campagna pubblicitaria a fumetti con protagonista Paperino e pubblicata su “Topolino”.

L’autore degli sketch fu Marco Rota, disegnatore della Disney.


I gadget come invito a comprare il dentifricio

Ciò che invogliava i bambini dell’epoca ad usare il dentifricio erano i gadget ad esso allegati. Tra i più amati e ricordati possiamo citare lo spazzolino con Paperino Giocoliere e il Soffiasù. Lo spazzolino venne diffuso dal 1970 e prodotto per ben 20 anni. La sua peculiarità era quella di avere alla fine del manico, un paperino in miniatura che ruotava. Il Soffiasù, introdotto nel 1980, era una sorta di pipetta bicolore che si soffiava per mantenere sospesa in aria una pallina di plastica leggerissima. Il gioco, ebbe talmente tanto successo che nel 1984 vennero organizzate delle gare all’interno della trasmissione televisiva “Topolino Show” su Retequattro.



Iscriviti alla newsletter

© 2019 by Vintag srl

piva 03560201208

info@vintag.store

Download vintag
  • Bianco Instagram Icona
  • White Facebook Icon
  • Bianco YouTube Icona
  • White Twitter Icon
  • White LinkedIn Icon
Informazioni