Migliorati: la storia delle bambole dei sogni.

a cura di Anna Rita Caddeo


Questa è la storia di un’azienda italiana che ha reso felici generazioni di bambine di tutto il mondo con le sue stupende creazioni: le bambole.



Dal cavallino di legno alle bambole

Tutto ebbe inizio nel 1933 a Pavone Mella, nel bresciano. Qui, l’allora giovanissimo Pierino Migliorati costruì un giocattolo di legno costituito da un cavallino con le ruote, legato ad un filo per poter essere trainato dai bambini. A questa produzione seguirono cavalli a dondolo e pagliaccetti di cartapesta. A partire dal 1938, Pierino si dedicò solo alle bambole, ad aiutarlo c’era sua moglie Luisa che confezionava gli abitini. Negli anni ’50 Sostene, il figlio della coppia, convinse il padre ad abbandonare la cartapesta e ad acquistare dei macchinari per creare bambole in vinile, un materiale innovativo all’epoca. Fu un’intuizione azzeccatissima, che portò la fabbrica ad essere una delle prime esportatrici di bambole all’estero.

Migliorati è stata per molti anni leader nel settore. Nel 1984 rilevò dalla Sebino, marchio e modelli del famoso bambolotto “Cicciobello”, attualmente prodotto dalla Giochi Preziosi. Migliorati è ancora attiva nel mercato delle bambole e ha esteso la sua produzione anche in altri settori.

Luisa: la stilista delle bambole

La signora Luisa, definita “la stilista delle bambole”, è stata la figura simbolo dell’azienda. Fu lei, nel 1938, a convincere Pierino a dedicarsi alla produzione di bambole: mentre lui si occupava dei meccanismi, lei creava i vestitini. Da ragazza apprese il mestiere di sarta dalle suore e trasferì questa esperienza in fabbrica, disegnando gli abiti che confezionavano le sarte ai suoi ordini.


Le bambole dei sogni

In più di ottant’anni, Migliorati ha prodotto un’infinità di bambole: noi di Vintag, per questioni di spazio, possiamo ricordarne solo alcune. C’era la bambola Primi passi, che stava iniziando a camminare, oppure Alda, che sapeva attraversare la strada ed era accompagnata dal fratellino Tonino, un bambolotto più piccolo. Ricordiamo Luciana, alta quanto una bambina, e Serafina, una bambola di pezza, che indossava abiti coloratissimi. Non possiamo, infine, dimenticare Morbidella, la bambola che rideva a farle il solletico, Allegretta che batteva le mani e Bice mi ridice, con gli orecchini luminosi a forma di fragola, che ripeteva ogni cosa che sentiva. Insomma, tutte bambole con determinate caratteristiche che le rendevano uniche. Migliorati ha creato anche delle prestigiose bambole dedicate al mondo del collezionismo.


Le pubblicità

Le pubblicità televisive hanno avuto spesso come protagoniste delle bambine che giocavano a fare le mamme con le loro bambole. Ogni spot si concludeva con l’indimenticabile slogan cantato: “Migliorati, le bambole dei sogni”.



Iscriviti alla newsletter
Download vintag
  • Bianco Instagram Icona
  • White Facebook Icon
  • Bianco YouTube Icona
  • White Twitter Icon
  • White LinkedIn Icon

© 2020 by Vintag srl piva 03560201208 info@vintag.store

Informazioni