Libri, viaggi e Seren Dipity: intervista a Serena di Battista

Cari Vintagers,

la #vintagimportantperson di oggi è Serena, che abbiamo conosciuto qualche settimana fa durante un evento vintage che comprendeva anche alcune letture dedicate all'inverno.

Amante dei viaggi e dei libri, ha deciso qualche anno fa di aprire il blog Follow The Books interamente dedicato alla lettura.

Curiosità e tenacia sono i suoi punti di forza.

La chiacchierata con Serena è stata molto intensa e, se per caso siete ancora indecisi sui regali di Natale... non vi resta che leggere la sua intervista!

Buona Lettura!





Ciao Serena, benvenuta su Vintag! Parlaci un po’ di te.

"Ciao, mi chiamo Serena Di Battista, sono una lettrice accanita e una creatura dell'inverno. Le cose importanti da sapere su di me sono che non sono mai stata giovane, che mi taglio la frangetta da sola (con opinabili risultati a volte ma sempre con imbarazzante orgoglio) e che odio la cannella. Sono laureata in lingua e traduzione inglese e nella vita faccio tanti lavori diversi; tra le tante cose c'è anche un blog letterario che si chiama Follow The Books, racconti di una lettrice in viaggio."


Come è nato il progetto Follow the Books?

"Sono cresciuta con il naso nei libri. Mi è sempre piaciuto da matti leggere e studiare, imparare cose nuove. Ho lavorato diversi anni in una libreria indipendente. In questo mondo precario e prepotente non ci stavo proprio alle condizioni di dovermi arrendere a fare professioni qualsiasi pur di lavorare dopo aver studiato anni e anni. Leggere e viaggiare sono due mie grandi passioni che si somigliano molto, se possono diventare anche una professione tanto meglio. Follow The Books è una via di mezzo per continuare a fare ciò che amo nel corri corri quotidiano che a volte ci distrae dai nostri sogni."


Quali sono gli oggetti vintage che ti affascinano di più?

"Come prima risposta forse banale direi i libri. Ma ho una curiosità irresistibile per le vecchie fotografie, le lettere e le cartoline. Gli oggetti hanno delle storie da raccontare e a volte, se siamo fortunati, queste storie si possono leggere. Adoro intrufolarmi nelle vite degli altri, soprattutto nelle vite vissute tanti anni fa."


Ci consigli 3 libri da regalare a Natale?

"Con molto piacere! Su Vintag ho trovato delle letture interessanti. Un' edizione di Piccole donne con una meravigliosa dedica scritta a mano nelle prime pagine che la rende ancora più unica. Il romanzo di Louisa May Alcott è sicuramente molto natalizio, con le sue indimenticabili scene invernali che abbiamo amato anche nei film."



Poi senza ombra di dubbio Harry Potter di J.K. Rowling. Anche per me fu un regalo e ancora oggi credo che sia l'avventura più straordinaria che abbia mai vissuto. Leggero a Natale rende tutto ancora più magico.



Il terzo consiglio potrà sembrarvi strano: Orgoglio e pregiudizio di Jane Austen. Dico strano perché io non ho ancora mai letto il romanzo di questa celebre autrice inglese, ma davanti a una copertina così anacronistica potrei impazzire.


Sappiamo che hai lavorato in una libreria indipendente che vendeva anche libri usati. Quali sono le cose più strane che hai trovato all’interno di un libro? "Biglietti del tram di città lontane e anni ancora più lontani, un biglietto di auguri di Natale, innumerevoli foglie secche e la mia preferita: una cartolina che raffigura i Beatles e la dedica di un'adolescente di tanti anni fa che scriveva alla sua amica che presto sarebbero andate al concerto insieme."


Vintag ha come missione la diffusione del Vintage in ogni sua forma, perché siamo convinti che disperdere le eccellenze passate sia un errore che il mondo di oggi non può permettersi. Cosa ne pensi?

"Sono assolutamente d'accordo. Oltre al lato romantico del vintage, al fatto che gli oggetti hanno storie ed è affascinante immaginarle, alla connessione con il passato, c'è anche un discorso molto pratico e attuale, fondamentale oggi: il riuso, la nuova vita delle cose. Capi d'abbigliamento, accessori, mobili: siamo abituati a liberarci con troppa facilità delle cose che abbiamo perché siamo convinti che "nuovo è meglio". In un mondo in cui cambiamo cellulare ogni sei mesi perché non possiamo perderci l'ultimo modello, o in cui piuttosto che far riparare qualcosa la ricompriamo, è davvero importante ricordarci che quel che abbiamo ha un valore e che la nostra attenzione e la cura che dedichiamo a ciò che possediamo fa la differenza."

Iscriviti alla newsletter
Download vintag
  • Bianco Instagram Icona
  • White Facebook Icon
  • Bianco YouTube Icona
  • White Twitter Icon
  • White LinkedIn Icon
Informazioni

© 2020 by Vintag srl piva 03560201208 info@vintag.store