• VintagTeam

La lana

di Silvia Cerri

Fibra naturale di origine animale, le sue caratteristiche variano a seconda della provenienza e dell’animale da cui è prodotta.

Scopriamo insieme i diversi tipi di lana:

La Merino è ottenuta dalle pecore merino appunto, è una delle qualità più pregiate in assoluto, tra le migliori perché fine e soffice.

La Mohair è ottenuta dal vello della capra d’Angora, principalmente prodotta in Usa, Turchia e sud Africa.

Il Cashmere è forse la più conosciuta tra le qualità pregiate, deriva dalle capre dell’India del nord, del Tibet, Iran e Afghanistan. Non è molto lunga, tra i 25 e 80 mm ma davvero molto, molto fine.

La lana di Cammello invece è ottenuta dal vello di quest’ultimo, principalmente prodotta in Cina e Mongolia.

L’ Alpaca è un tipo di lana prodotta dal lama delle Ande. È tenace, lucente e più fine della Mohair.

Infine la Vicuna è un tipo di lana poco conosciuta, ma la più pregiata in assoluto perché difficilissima da trovare. È infatti molto rara e si ottiene dal Lama Vicuna.

Chimicamente la lana è costituita principalmente di cheratina, una proteina con formula C72H112N18O12S.

Dopo la tosatura e prima della filatura si procede al:

  • Lavaggio e sgrassatura;

  • Imbianchimento ed azzurraggio;

  • Coloraggio

  • Carbonizzazione

  • Tintura.

Per lavare la lana è necessario un lavaggio delicato, solitamente a 30°C, o 40°C ma mai oltre poiché ad alte temperature, in acqua bollente, diventa plastica.


È un tessuto termoisolante, viene infatti indossato nel deserto perché tiene al fresco, poiché la temperatura ambientale è circa 60°C molto più alta quindi di quella corporea.

Nel campo della moda tessuti in lana sono usati molto e in diverse fantasie, tra le più caratteristiche troviamo il Tartan e il Pied de Poule.


È possibile riciclare la lana al cento per cento, per questo è assolutamente sul podio delle fibre green. Il riciclaggio prevede la selezione manuale della lana, classificata in base al colore, alla composizione e alla qualità. La Carbonizzazione elimina impurezze, si procede poi a straccitura e lavaggio. Successivamente centrifuga e poi asciugatura e la lana rigenerata è pronta! Si fa così attenzione all’ambiente risparmiando materia prima, riducendo inquinamento e rifiuti!