Cani di Fo, i leoni guardiani delle case cinesi

di Barbara Canoci


Il 25 gennaio si festeggia il capodanno cinese (altrimenti detto capodanno lunare o festa di primavera) e sul blog di Vintag vi parlerò di alcuni aspetti legati a questa festa.



UN PO’ DI STORIA

Partiamo subito col dire che quest’anno il capodanno cinese si festeggia il 25 gennaio. Questa festa non ha una data fissa perché segue il calendario lunare tradizionale e secondo l'astrologia cinese, ad ogni anno lunare corrisponde un segno zodiacale: il 2020 è l'anno del Topo. La data sul calendario Gregoriano è diversa di anno in anno, ma è sempre compresa tra il 21 gennaio e il 20 febbraio. 

Il periodo di festa dura 16 giorni, dalla vigilia di Capodanno fino alla Festa delle Lanterne. Per il capodanno tradizionale i cinesi hanno 7 giorni di vacanza, dalla vigilia fino al sesto giorno del primo mese lunare, nel 2020 vanno dal 24 al 30 di gennaio; le scuole e alcune fabbriche invece chiudono per tutta la durata del periodo.


I giorni più importanti del periodo di festa del Capodanno cinese sono:

La vigilia di capodanno: la giornata in cui le famiglie si riuniscono. Secondo il calendario tradizionale cinese si chiama 除夕 Chúxī, che in italiano si può tradurre con "sbarazzarsi della sera". Nel 2020 è venerdì 24 gennaio.

Il primo giorno dell'anno: durante questo giorno si fa visita ai parenti e ci si scambiano gli auguri di buon anno. Nel calendario cinese questo giorno si chiama 初一 Chūyī, che significa "primo giorno"; è il giorno di capodanno vero e proprio e quest'anno è sabato 25 gennaio.

La Festa delle Lanterne: è l'ultimo giorno del periodo di festa e corrisponde al quindicesimo giorno del primo mese del calendario lunare cinese. Quest'anno è sabato 8 febbraio.



I FESTEGGIAMENTI 

I cinesi ritengono che un buon inizio d'anno porterà fortuna durante il corso dell'anno. Tradizionalmente celebravano l'inizio di un nuovo anno di lavoro agricolo ed esprimevano il desiderio di un buon raccolto (a quei tempi la maggior parte erano agricoltori). Oggi questo si traduce nei festeggiamenti per l'inizio di un nuovo anno d'affari e nell'auspicio di profitti e di successo nelle varie professioni.

Durante i 7 giorni di vacanza, in alcuni villaggi e nelle città si organizzano eventi legati al folklore, come fiere del tempio, spettacoli e danze tradizionali. Le zone rurali, dove le tradizioni sono più sentite, si ripopolano grazie alle persone che tornano a casa dopo un anno di duro lavoro in città; questo è il momento dell'anno in cui le famiglie si riuniscono per il tradizionale "cenone", fanno offerte per le divinità e per gli antenati, si prega Buddha e si pulisce la casa dallo sporco dell'anno passato per fare posto alla felicità e alla buona sorte (fu 福) che arriveranno con il nuovo anno.



LA TAVOLA

Il cenone di Capodanno è chiamato anche "cena di ritrovo" ed è visto come il pasto più importante dell'anno. Di solito è presente tutta la famiglia allargata, con le diverse generazioni sedute attorno allo stesso tavolo per mangiare, raccontare aneddoti di famiglia e passare del tempo insieme. Si resta svegli tutti insieme fino a dopo mezzanotte per festeggiare e accogliere il nuovo anno.

Durante tutto il periodo del Capodanno, ma soprattutto alla cena della vigilia, si preparano e si mangiano alcuni piatti considerati porta fortuna per via del loro significato simbolico, dovuto al nome o all'aspetto. Ma quali sono questi cibi fortunati?

Il pesce non manca mai sulle tavole delle famiglie riunite per il cenone: la parola cinese "pesce" suona come la parola "abbondanza". Secondo la tradizione, mangiare pesce porta denaro e fortuna in abbondanza nell'anno successivo. I ravioli sono un altro piatto immancabile. Al Nord soprattutto, secondo la tradizione, si preparano la sera stessa per mangiarli il giorno successivo.




I PROTETTORI DELLA CASA 

I Cinesi sono tradizionalmente un popolo molto superstizioso e legato alla tradizione e alla religiosità. 

In ogni luogo, che sia una casa, un tempio, un luogo di lavoro, all’ingresso non possono mancare i “Cani di Fo”, due Cani che assomigliano molto a due leoni e rappresentano la completezza dell’esistenza. Sono una coppia, il maschio che sotto la zampa ha una sfera che rappresenta il mondo, e la femmina che invece sotto la zampa ha il cucciolo che rappresenta la nuova vita (che ciclicamente si rinnova proprio con l’arrivo del nuovo anno).

Il fatto che sia il mondo che il cucciolo siano sotto la zampa rappresenta la protezione che i cani vogliono dare a uno e all’altro. 

Si dispongono all’ingresso con la faccia che guarda l’entrata e quindi l’esterno in modo da proteggere l’ambiente e le persone che lo abitano da influenze negative e malintenzionati.



CURIOSITÀ 1: Le buste rosse

In quest’occasione, come a Natale in occidente, anche in Cina ci si scambiano regali. Il dono tradizionale sono le "hongbao", buste rosse che contengono soldi (una cifra simbolica di solito) regalate ai più giovani e agli anziani in pensione. Non si usa regalare buste rosse agli adulti che lavorano, se non come dono da parte dei datori di lavoro.

Le buste rosse sono un augurio di buona fortuna e prosperità per coloro che le ricevono.

Come si dice: paese che vai usanza che trovi...  

Nel prossimo appuntamento vi parlerò dell’importanza del Te, del colore rosso e delle caratteristiche del segno del Topo! Non perdetevelo!!!

Iscriviti alla newsletter
Download vintag
  • Bianco Instagram Icona
  • White Facebook Icon
  • Bianco YouTube Icona
  • White Twitter Icon
  • White LinkedIn Icon

© 2020 by Vintag srl piva 03560201208 info@vintag.store

Informazioni