C'è Pinocchio e Pinocchio...

a cura di Barbara Canoci


“... Carissimo Pinocchio
amico dei giorni più lieti
di tutti i miei segreti
che confidavo a te.
Carissimo Pinocchio
ricordi quand’ero bambina?
Nel bianco mio lettino
ti guardai, ti sfogliai, ti sognai ...”

Così cantava la canzone di Johnny Dorelli ... che dolcezza, e poi ve la ricordate la Lollo (Gina Lollobrigida) nel ruolo della Fata Turchina ... e Nino Manfredi che faceva Geppetto?

Ecco a me è rimasta nel cuore proprio quella miniserie che nel 1972 raccontava le avventure del Burattino! .... ma poi ... approfondendo la storia di Pinocchio di Collodi sono uscite fuori un paio di curiosità che ... mamma mia ... altro che dolcezza!!!




Partiamo subito subito col dire che:


- Collodi, nelle sue intenzioni, non aveva previsto un lieto fine per la storia del suo burattino: l’autore avrebbe voluto concludere il racconto con il burattino impiccato, che sarebbe rimasto “come intirizzito”. Ma a causa delle lamentele dei piccoli lettori, il giornale convinse Collodi a proseguire la storia: per portarla a termine come la conosciamo attualmente, l’autore impiegò altri due anni.

- Nella storia originale, Pinocchio uccide il grillo con un martello, stufo di sentirne i rimproveri. Nel corso della storia il Grillo ricomparirà come fantasma per far ragionare Pinocchio prima che sotterri i suoi zecchini d’oro, e successivamente tornerà ad essere vivo e vegeto. L’apparenza “umanizzata” del Grillo è stata introdotta dalla Walt Disney.

- Tra le varie interpretazioni che sono state date all’opera, ce n’è anche una di tipo esoterico, basata sull’ipotesi che Collodi appartenesse a una loggia massonica fiorentina. Le avventure di Pinocchio, in quest’ottica, non sarebbero altro che il processo di iniziazione in cui una marionetta di legno, simbolo della meccanicità della persona, aspira a ritrovare la sua anima autentica.

- alla celebre marionetta è stato dedicato anche l’asteroide 12927.

- Nel 2006 Pavesio Editore pubblica una versione quasi horror e a fumetti di Pinocchio: Pinocchio storia di un bambino. Scritta è disegnata da Ausonia (Francesco Ciampi) è presentata a Lucca Comics. In questa versione nel paese dei burattini imperversa una guerra contro i grilli e la fata Madame Turchina gestisce una casa di tolleranza.

Spesso le fiabe che ci arrivano non rispecchiano la versione originale oppure vengono stravolte da successive interpretazioni.

Ma detto ciò, i “babacci” della Ledraplastic sono bellissimi e oggetti ambiti da collezionisti di ogni età!


Iscriviti alla newsletter
Download vintag
  • Bianco Instagram Icona
  • White Facebook Icon
  • Bianco YouTube Icona
  • White Twitter Icon
  • White LinkedIn Icon

© 2020 by Vintag srl piva 03560201208 info@vintag.store

Informazioni