Brava brava Mariarosa!

testo e foto di Anna Rita Caddeo


La storia che vi sto per raccontare riguarda una bellissima bambina bionda di nome Mariarosa, testimonial indiscussa e direi unica del famoso lievito per dolci Bertolini.

Buona lettura!



LA STORIA

La nascita dell’azienda dolciaria torinese Bertolini la si deve ad Antonio che, nel 1911, ebbe la giusta intuizione di creare una bustina monodose di lievito. L’invenzione riscosse subito successo in quanto agevolò il lavoro di mamme e nonne che fino a quel momento avevano calcolato ad occhio il bicarbonato

da dosare per far lievitare i dolci fatti in casa.

Fin dagli esordi, dunque, la Bertolini si mostrò attenta alle esigenze del consumatore, sia attraverso la proposta di prodotti di qualità, sia cercando un rapporto diretto con esso mediante l’utilizzo di strategie di comunicazione rivelatesi sempre vincenti.



IL RICETTARIO BERTOLINI

L’esempio forse più significativo di questa continua ricerca di un dialogo con il consumatore fu la creazione del famoso ricettario. Siamo alla fine degli anni ’40 quando Bertolini decise di omaggiare le famiglie italiane che acquistavano il lievito, con un libricino illustrato ricco di ricette e consigli pratici per la preparazione di dolci casalinghi.

Il successo del ricettario fu immediato e si consolidò qualche anno dopo con l’introduzione di sei paginette che raccontavano la storia a vignette di una deliziosa protagonista: Mariarosa. Noi tutti “bambini grandi” ci ricordiamo di lei, la bambina dalle trecce bionde che si recava al mercato, in compagnia dell’inseparabile cagnolino, ad acquistare gli ingredienti per preparare le torte alle sue amiche. Mariarosa, una volta rientrata a casa, disponeva l’occorrente sul tavolo e iniziava a dosare gli ingredienti seguendo le istruzioni consigliate dal ricettario perché: “con ricette Bertolini san far dolci anche i bambini”. Quante volte avremo sfogliato questo libricino mentre la mamma si apprestava a preparare la crostata per la merenda? Io l’ho letteralmente consumato a furia di leggerlo e rileggerlo! Il ricettario è rimasto nei ricordi di tutti ed è custodito dalle famiglie italiane quasi come un tesoro. La commercializzazione del ricettario si è conclusa sul finire degli anni ’80.



MARIAROSA

In pochi sanno che ad occuparsi delle sue illustrazioni è stata una disegnatrice italiana molto importante. Si tratta di Maria Pia Franzoni Tomba che dagli anni ’30 fino al ’50 pubblicò migliaia di libri destinati all’infanzia e soprattutto una miriade di cartoline con protagonisti dei bambini paffutelli dal visino roseo e vivace.

Mariarosa non fu solo la fortunata protagonista di un ricettario. Volto e vicende della bambina con le treccine bionde vennero utilizzati nei calendari e soprattutto sulle bellissime scatole di latta che contenevano i prodotti della Bertolini. Le prime scatole di latta con protagonista la nostra beniamina vennero realizzate negli anni ’50. Nel corso del tempo ne sono state prodotte circa un centinaio di varianti ed attualmente sono oggetto richiestissimo dai collezionisti.



IL CAROSELLO DI MARIAROSA

Un’altra tappa molto importante di Mariarosa fu nel 1970 quando, per la prima volta, approda in televisione con un carosello a lei dedicato dal titolo “Mariarosa al mercato”. Noi “bambini grandi” ricordiamo sicuramente la canzoncina che accompagnava in tv le sue vicende, il cui ritornello faceva: “Brava, brava Mariarosa ogni cosa sai far tu, qui la vita è sempre rosa solo quando ci sei tu”.

Indimenticabile! Quante volte avremo cantato questo motivetto in vacanza con i cuginetti oppure con i compagnetti durante il tragitto casa-scuola? La canzoncina divenne subito un piacevole tormentone e, manco a dirlo, la bambina una vera e propria star televisiva! L’ultimo carosello con protagonista Mariarosa venne trasmesso nel 1977.

Per concludere, Mariarosa è stata per i bambini nati tra gli anni ’50 e ’80 un’amica inseparabile, sempre pronta a dispensare utili consigli. Inoltre, la scelta promozionale di averla come testimonial unica dei prodotti Bertolini, è stata azzeccatissima: tutti si ricordano di lei e delle sue vicende nonostante siano

trascorsi anni dalla pubblicazione dell’ultimo ricettario e dalla messa in onda del suo carosello.






Iscriviti alla newsletter
Download vintag
  • Bianco Instagram Icona
  • White Facebook Icon
  • Bianco YouTube Icona
  • White Twitter Icon
  • White LinkedIn Icon

© 2020 by Vintag srl piva 03560201208 info@vintag.store

Informazioni