ASSASSINIO SUL TRENO (diretto da George Pollock, 1961)

a cura di Annalisa Villa


“…a proposito, l’ispettore ha detto che tra poco vi interrogherà, beh rinfrescatevi gli alibi.”

Preparatevi una buona tazza di tè caldo perché qui entriamo nelle fredde terre del Regno Unito. Siamo nel 1957 e la nostra protagonista Jane Marple, in partenza dalla stazione ferroviaria di Paddington, inganna il tempo guardando fuori dal finestrino.




Sarà proprio da lì che vedrà l’omicidio di una donna bionda sul convoglio che sopraggiunge a fianco. Miss Marple è una donna anziana con la passione per i libri gialli e quindi non viene presa seriamente neanche dopo aver sporto denuncia alla polizia, tanto più che di quel cadavere non ci sarà traccia.

Jane è anziana, certo, ma è una donna piena di risorse che non si lascia intimorire da nulla e decide di iniziare le indagini per conto suo. Dopo un primo sopralluogo lungo il tragitto del treno, il fiuto la porterà a casa Ackenthorpe, dove si farà assumere come domestica per cercare di concludere il caso. La forza di questo personaggio sta nel sovvertire le regole di quel tempo. Miss Marple è nubile, indipendente ed è una donna che sa mettere al proprio posto qualsiasi uomo cerchi di prevaricarla.




Spiritosa, tenace e dalla vitalità di una ragazzina britannica dimostra come l’eleganza si possa avere a qualsiasi età. Eleganza e tendenza, perché se l’autunno / inverno 2019-2020 fa scoppiare stampe scozzesi su tutto il guardaroba, nel 1961 Jane Marple aveva già una collezione di tartan tra tailleur, gonne e giacche da far invidia ad una qualsiasi influencer dei giorni nostri. Troveremo quindi maglioni caldi di lana sopra a gonne fino al ginocchio, cappe e mantelle contro freddo e pioggia, immancabili cappellini e borsette a mano che rappresentano un abbigliamento sportivo e pratico ma che rimane sempre elegante, da vera signora tutta d'un pezzo.



Questo film è tratto da un libro di Agatha Christie che si intitola “Istantanea di un delitto”(1957) ed è la prima di quattro pellicole che vede la mitica Margaret Rutherford nei panni di Miss Marple. La scelta di prendere un'attrice comica per interpretare la sua Jane non convinse molto la scrittrice ma piacque moltissimo al pubblico che si affezionò subito a questo personaggio così carismatico e divertente, capace di spezzare la tensione di un omicidio con naturale simpatia e acume. Ancora oggi la Rutherford viene ricordata come l'unica e vera Miss Marple della storia, nonostante sia stato un ruolo interpretato da diverse attrici nel susseguirsi degli anni. Dovete sapere che la mia infanzia è stata a base di pane, olio e Agatha Christie. Voglio bene ai suoi personaggi principali come fossero vecchi amici di sempre. 




La struttura di questi gialli è sempre la stessa e si snoda attraverso il cosiddetto

“meccanismo a scatola”: un omicidio e tutti i personaggi della trama sospettati. Affascinate ed inquietante? Forse sì, ma se doveste trovarvi ad una festa che non vi piace, sapreste su cosa fantasticare in caso la luce, improvvisamente, dovesse sparire.








Iscriviti alla newsletter

© 2019 by Vintag srl

piva 03560201208

info@vintag.store

Download vintag
  • Bianco Instagram Icona
  • White Facebook Icon
  • Bianco YouTube Icona
  • White Twitter Icon
  • White LinkedIn Icon
Informazioni