#allyouneedisvintage

LE VIE DELLA SETA A BOLOGNA

dal 12 ottobre al 3 novembre

Dal 12 ottobre al 3 novembre 2019 in alcuni negozi selezionati del centro di Bologna potrete trovare "LE VIE DELLA SETA A BOLOGNA" una mostra itinerante inserita negli eventi organizzati da Vintag per festeggiare i due anni di attività in collaborazione con Rossi Selected Vintage.

Quello tra la seta e Bologna è un amore che dura da sempre.
Se ne è in parte persa memoria perché la città ha preso strade diverse e la sua economia si è sviluppata in differenti direzioni.

Già nel XIV secolo entro le mura della città oltre cento mulini da seta compivano pazientemente il loro lavoro. In quella che oggi è piazza Galvani si acquistavano i bozzoli, passati poi alla trattatura del filo e ai mulini; nelle case spettava alle donne il lavoro della tessitura, mentre presso le botteghe artigiane si procedeva alla rifinitura del prodotto.
Questo tessuto prezioso, morbido, dal fruscio inconfondibile torna oggi ad animare la trama urbana di Bologna grazie a Rossi Selected Vintage che ha selezionato 23 Foulard di Gucci, Hermés e Pucci. Questi sono i protagonisti di una passeggiata assieme alle attività commerciali del centro storico che li ospitano e che hanno mantenuto una peculiare autenticità.
I carré sono accessori di seta assimilabili a gioielli, tessuti preziosi e versatili. Ed eterni.
Oggi nel mondo viene acquistato un foulard ogni 20 secondi. Talvolta è nuovo, talvolta è vintage.
I carré vintage portano con sé il ricordo del passato di storie che non conosciamo e ci piace sognare. Colori vivi, stampe vivaci e motivi rigogliosi: ecco quello che spesso attira in un foulard, che fa chiudere gli occhi e anima l’immaginazione.
Grazie a Rossi Selected Vintage, ASCOM e ai commercianti della città che si sono resi disponibili a ospitare la mostra è possibile seguire questo filo ideale, ripercorrendo la rete urbana che collega la trama del tessuto prezioso di ieri a quello di oggi alla scoperta delle vie della seta a Bologna.

Per vedere quali sono gli esercizi commerciali aderenti, scarica la mappa!

Gucci, Safari

Vittorio Accornero
1969
twill di seta, orlato a mano
90 x 90 cm
condizioni eccellenti, pari al nuovo
Collezione Rossi Selected Vintage

La giungla è frutto dell’accostamento di piante immaginarie che si rivelano cornice perfetta per un insieme di animali che quasi sembrano addomesticati, seppur bellissimi. L’esotismo del motivo animalier sfuma, a favore del ricordo del background di Accornero, che proviene dal mondo dell’illustrazione dei libri per l’infanzia.

GUCCI, Safari
G-Tian.jpg

Alessandro Michele
2016
twill di seta, orlato a mano
90 x 90 cm
condizioni eccellenti, pari al nuovo
Collezione Rossi Selected Vintage


Nel 2016 il direttore creativo della casa di moda propone la stampa Gucci Tian, ispirata ai paesaggi cinesi raffigurati nei tessuti e negli arazzi del XIX secolo. Nasce così un foulard in cui colibrì, insetti e farfalle abbozzati con linee sottili animano un sottobosco fiorito; il verde sullo sfondo sembra quasi un vapore che si diffonde nella scena ed emana, semplicemente, armonia.

GUCCI, Tian
H-Arms of United States.jpg

Hugo Grygkar
1955
twill di seta, orlato a mano
90 x 90 cm
condizioni buone, ma con alcuni fili tirati
Collezione Rossi Selected Vintage


Nel 1955 Hugo Grigkar licenzia un carré dedicato agli Stati Uniti d’America, con gli stemmi dei cinquanta stati e la mappa che definisce i confini tra uno stato e l’altro. Il foulard viene riproposto in diverse collezioni, grazie al disegno pulito ed essenziale, ma l’edizione 1975 quella più significativa, perché viene realizzata per celebrare i 200 anni dalla Dichiarazione d’Indipendenza.

HERMÈS, ARMS OF THE UNITED STATES
H-Astrologie.jpg

François Faconnet
2003
twill di seta, orlato a mano
42 x 42 cm
condizioni eccellenti, pari al nuovo
Collezione Rossi Selected Vintage


Conosciuto anche come Dies et Hore, questo carré esce dalla maison nel 1963 con la firma di François Faconnet. Una curiosità? Insieme a La Promenade de Longchamps di Ledoux e Les Clefs di Latham è tra i carré più contraffatti della maison. Ciò lo consacra come uno dei foulard iconici di Hermès, assolutamente desiderabile in qualsiasi formato.

HERMÈS, ASTROLOGIE
H-Belle Chasse.jpg

Henri de Linarès
1963
twill di seta, orlato a mano
90 x 90 cm
condizioni eccellenti, pari al nuovo
Collezione Rossi Selected Vintage


De Linarès è un esperto pittori del mondo animale, capace di coglierne sia la vitale ferità, sia la dignità della morte.
In questo still life regnano il rigore e la compostezza. I fagiani sono il trofeo di una seduta di caccia che, come sempre avviene tra le sete di Hermès, è narrata così come era una volta, un’arte nobile ed elegante.

HERMÈS, BELLE CHASSE
H-Brides de Gala.jpg

Hugo Grygkar
primi anni Duemila
twill di seta, orlato a mano
45 x 45 cm
condizioni eccellenti, pari al nuovo
Collezione Rossi Selected Vintage


Qual è il carré più venduto al mondo? Brides de Gala.
L’autore è Hugo Grigkar, il primo artista convertito alla seta di Hermès, che nel 1957 licenzia un foulard che ha letteralmente fatto storia. Il disegno, infatti, viene riproposto in ogni collezione, con variazioni o interpretazioni cromatiche sempre nuove.

HERMÈ, BRIDES DE GALA
H-Concerto.jpg

Jean Louis Clerc
1963
materiale twill di seta, orlato a mano
90 x 90 cm
condizioni eccellenti, pari al nuovo
Collezione Rossi Selected Vintage


La mano di Jean Louis Clerc, artista, illustratore e giornalista prestato alla mondo della moda, è inconfondibile. Un tratto nervoso e deciso anima la scena con vivacità. Qui è in corso un concerto che vede coinvolta l’intera orchestra. La vera protagonista di questo carré, però, è la belle epoque, con la sua ilarità e la sua joie de vivre.

HERMÈS, CONCERTO
H-Feux du Ciel.jpg

Kwumi Sefedin
2000
twill di seta, orlato a mano
90 x 90 cm
condizioni eccellenti, pari al nuovo
Collezione Rossi Selected Vintage


Nel 2000, per celebrare l’avvento del nuovo millennio, Hermès commissionò all’artista sudanese Sefedine Ibrahim Alamin un carré. Qual è il modo migliore per festeggiare la notte di San Silvestro? I fuochi d’artificio. Ed ecco stagliarsi sulla seta il cielo, un cielo stellato illuminato dai fuochi artificiali della notte di Capodanno.

HERMÈS, FEUX DU CIEL
H-Les Girafes.jpg

Robert Dallet
2006
twill di seta, orlato a mano
90 x 90 cm
condizioni eccellenti, pari al nuovo
Collezione Rossi Selected Vintage


Il talento più invidiabile di Dallet è rappresentare gli animali nel loro habitat, catturando la naturalezza dei loro atteggiamenti, la semplicità dei rapporti che tra di loro instaurano. Les Girafes sono colte nell’intimità del loro quotidiano, l’occhio del naturalista nulla lascia al caso.

HERMÈS, LES GIRAFES
H-jungle Love.jpg

Robert Dallet
2000
twill di seta, orlato a mano
90 x 90 cm
condizioni eccellenti, pari al nuovo
Collezione Rossi Selected Vintage


Robert Dallet, naturalista autodidatta, è un insuperabile ritrattista del regno animale. I suoi soggetti preferiti sono i felini selvatici, di cui ha rappresentato tutte le specie, anche quelle estinte.
Un’aurea di ferina impassibilità aleggia attorno all’amore dei due leopardi di Jungle Love, circondati dalla coloratissima flora e dalla vivace fauna della giungla.

HERMÈS, JUNGLE LOVE
H-La Magie.jpg

Claudia Stulhofer-Mayr
1999
twill di seta, orlato a mano
90 x 90 cm
condizioni eccellenti, pari al nuovo
Collezione Rossi Selected Vintage


I giochi del mago che ci stupisce sono i protagonisti di questo carré: un coniglio esce dal cappello, carte da gioco e dadi fluttuano tra le stelle insieme alle colombe. Nell’atmosfera che si respira sotto il tendone del circo tutto è illusionismo, così anche le fiere e i pagliacci.

HERMÈS, LA MAGIE
H-Les Paulains.jpg

Xavier de Poret
1960
twill di seta, orlato a mano
90 x 90 cm
condizioni ottime
Collezione Rossi Selected Vintage


Poret era un affermato pittore, specializzato in animali e ritratti, che disegnò diversi foulard per Hermès tra gli anni Cinquanta e gli anni Settanta del Novecento. Qui lo studio accurato suo puledro, guardato da diverse angolazioni, è l’argomento principe del carré.

HERMÈS, LES POULAINS
H-Les_Lévriers.jpg

Xavier de Poret
1970
twill di seta, orlato a mano
90 x 90 cm
condizioni eccellenti, pari al nuovo
Collezione Rossi Selected Vintage 


Nel 1970 Xavier de Poret licenzia per la maison Hermès un carré che ha come protagonista i levrieri, Les Levriers.
Cifra stilistica del pittore è l’analisi puntuale di un animale in diverse posizioni e da differenti angolazioni: tale caratteristica definisce anche questo foulard.

HERMÈS, LES LEVRIERS
H-Ludovicus Magnus.jpg

François de La Perriere
1997
materiale twill di seta, orlato a mano
42 x 42 cm
condizioni eccellenti, pari al nuovo
Collezione Rossi Selected Vintage


Ludovico il XIV Re di Francia è passato alla storia per lo più come il Re Sole. Spesso, però, ci si dimentica che era noto ai contemporanei anche come Ludovico il Grande, Ludovicus Magnus.
François de La Perriere recupera questo appellativo del sovrano assolutista e agli inizi degli anni Sessanta gli dedica un carré. Il disegno è poi stato riproposto negli anni a venire, anche nel più informale formato del gavroche.

HERMÈS, LUDOVICVS MAGNVS
H-Napoléon.jpg

Philippe Ledoux
anni Novanta
twill di seta imprimé, orlato a mano
90 x 90 cm
condizioni eccellenti, pari al nuovo
Collezione Rossi Selected Vintage


Nell’immaginario collettivo i primi carré di Hermès hanno come protagonista il mondo equestre, poiché la maison nacque come manifattura di finimenti per cavalli. In realtà, tra i carré creati dal 1937 e la metà degli anni Ottanta oltre cento sono ispirati all’ambito militare, in particolare all’epoca napoleonica. Tra questi il più memorabile è Napoléon, replicato in diverse collezioni.

HERMÈS, NAPOLÉON
H-Pavois.jpg

Philippe Ledoux
primi anni Duemila
twill di seta, orlato a mano
42 x 42 cm
condizioni eccellenti, pari al nuovo
Collezione Rossi Selected Vintage


Artista e illustratore, Ledoux è stato un prolifico disegnatore di carré per Hermès per quasi quarant’anni. Egli aveva un occhio attentissimo per riprodurre i dettagli più sfuggenti. Nel 1964 realizzò un delizioso catalogo nel quale erano riportate le bandiere nautiche di diverse provenienze; un catalogo curioso, che più volte è stato riproposto, anche su twilly o gavroche.

HERMÈS, PAVOIS
H-Regina.jpg

Leïla Menchari
1996
twill di seta, orlato a mano
42 x 42 cm
condizioni eccellenti, pari al nuovo
Collezione Rossi Selected Vintage


Nel 1961 una giovane artista (e modella) tunisina bussò alla porta della maison, con il proprio portfolio sotto braccio con l’intento vendere alcuni schizzi, per sbarcare il lunario. E da lì non uscì più, diventando una delle personalità più importanti all’interno di Hermès. Alla sua passione per il colore e per i fiori si deve Regina, omaggio alla regina anglosassone Elisabetta II, prodotto nel 1972
e riofferto al pubblico in numerose occasioni negli anni a venire.

HERMÈS, REGINA
H-Le Roy Soleil.jpg

Annie Faivre
1994
twill di seta, orlato a mano
90 x 90 cm
condizioni buone, ma piccole macchie
Collezione Rossi Selected Vintage


Annie Faivre è stata definita una “leggenda moderna” di Hermès: collabora con la maison dal 1979 e in questi anni ha disegnato quasi cinquanta carré. Pare che da ragazzina venisse chiamata “piccola scimmia” e questo animale si trova nascosto sempre nei suoi carré, a mo’ di firma dell’artista. Se si cerca bene, si trova anche tra i soli del Re Sole!

HERMÈS, LE ROY SOLEIL
H-Texas Wildlife.jpg

Kermit Oliver
1992
twill di seta, orlato a mano
90 x 90 cm
condizioni buone, ma piccola macchia in un angolo e fili tirati
Collezione Rossi Selected Vintage


Kermit Oliver è il solo artista americano ad aver lavorato con Hermès e viene spontaneo celebrarlo con un carré che è letteralmente un omaggio alle traduzioni statunitensi: un tacchino gonfio e tronfio, riferimento esplicito alla Giorno del Ringraziamento, festa “nazionale” negli U.S.A.

HERMÈS, FAUNE ET FLORE DU TEXAS. TEXAS WILDLIFE
voyage.jpg

Karen Petrossian
periodo 1999
twill di seta, orlato a mano
misure 42 x 42
condizioni ottime, pari al nuovo
Collezione Rossi Selected Vintage


Nel 1997 tra i carré Hermès uno propone un immaginario viaggio in Africa, in Nigeria.
La vicenda è ambientata in un tempo lontano, forse l’età coloniale di inizio Novecento. In pochi tocchi Petrossian è in grado di definire caratteri e atmosfere che hanno sullo sfondo il monocromo della seta.

HERMÈS, VOYAGE AU NIGER
P-Gielli d Africa.jpg

Emilio Pucci
1963
crêpe di seta, orlato a mano
90 x 90 cm
condizioni buone, ma un filo è tirato
provenienza Collezione Privata


La passione di Emilio Pucci per i viaggi è nata prima di quella per la moda e questo amore si riflette spesso nei suoi disegni, soprattutto nel primo periodo di attività. Il viaggio in Africa fu quello che, più di altri, gli aprì la mente, ampliando la sua gamma cromatica e aumentando gli stimoli grafici, come mostra questo foulard.

PUCCI, GIOIELLI D'AFRICA
P-Bermuda.jpg

Emilio Pucci
1954
twill di seta, orlato a mano su due lati
70 x 70 cm
condizioni buone, ma fili tirati
Collezione Rossi Selected Vintage 


Lo stile del Marchese Emilio Pucci è inconfondibile, è fatto di asimmetrie e colori sgargianti, ma non è sempre stato così. Le prime stampe raccontano luoghi e persone, viaggi e tradizioni, come questo carré che ha come protagonista una delle più importanti tradizioni delle Bermuda, il Gombay.

PUCCI, BERMUDA
P-La Caccia.jpg

Emilio Pucci
1959
twill di seta, orlato a mano
90 x 90 cm
condizioni eccellenti, pari al nuovo
Collezione Rossi Selected Vintage


Questo foulard è un esplicito richiamo alla novella di Nastagio degli Onesti raccontata dal Bocaccio nel Decameron (1351) e dipinta dal Botticelli (1483). Qui si narra dell’amore non corrisposto del giovane Nastagio per una fanciulla. Questa cederà alle lusinghe dell’innamorato, quando assisterà all’apparizione degli spettri di un innamorato e della donna che lo ha rifiutato.

PUCCI, LA CACCIA
P-Palio il Riccio.jpg

Emilio Pucci
1957
twill di seta, orlato a mano su due lati
90 x 90 cm
condizioni eccellenti, presenti fori degli aghi delle macchine sui lati senza orlo
Collezione Rossi Selected Vintage


Nel 1955 Pucci assiste al Palio di Siena e rimane folgorato: si lascia travolgere dalla magia delle diciassette contrade, dai loro colori e dai loro miti e due anni dopo presenterà la Collezione Palio.
Il Marchese compone e scompone l’universo simbolico e cromatico delle contrade di Siena, un gioco che ha portato la svolta nello stile di Emilio Pucci, diventato quello che conosciamo oggi.

PUCCI, L'ISTRICE

I foulard provengono dalla collezione di Rossi Selected Vintage

via Indipendenza 8/s 40121 Bologna

1924@rossiselectedvintage.com

www.rossiselectedvintage.com

Testo: Caterina Pascale Guidotti Magnani

Foto: Vera Roveda

Iscriviti alla newsletter
Download vintag
  • Bianco Instagram Icona
  • White Facebook Icon
  • Bianco YouTube Icona
  • White Twitter Icon
  • White LinkedIn Icon

© 2019 by Vintag srl

piva 03560201208

info@vintag.store

Informazioni